fun

[ Salta al contenuto della pagina ]

Access key definite:
Vai alla pagina iniziale [H]
Vai alla pagina di aiuto alla navigazione [W]
Vai alla mappa del sito [Y]
Passa al testo con caratteri di dimensione standard [N]
Passa al testo con caratteri di dimensione grande [B]
Passa al testo con caratteri di dimensione molto grande [V]
Passa alla visualizzazione grafica [G]
Passa alla visualizzazione solo testo [T]
Passa alla visualizzazione in alto contrasto e solo testo [X]
Salta alla ricerca di contenuti [S]
Salta al menù [1]
Salta al contenuto della pagina [2]

Sezione contenuti:

[ Salta al menù ]

Dettaglio procedura

Questa funzionalità permette di visualizzare i dati della procedura selezionata, compresi i documenti relativi al bando, ovvero ai documenti che sono richiesti ai concorrenti. Premendo il pulsante "Lotti" si accede alle informazioni di dettaglio dei lotti facenti parte della procedura.
CONTENUTO AGGIORNATO AL 27/07/2021

Sezione Stazione appaltante

Comune di Cagliari - Provveditorato, economato, autoparco
Atzeni Manuela

Sezione Dati generali

SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA A RIDOTTO IMPATTO AMBIENTALE NEGLI ASILI NIDO, SCUOLE DELL'INFANZIA, PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO DEL COMUNE DI CAGLIARI ANNI 2020 2023. - CIG : 79197711C8
Servizi
Procedura aperta
Offerta economicamente più vantaggiosa
20.088.320,00 €
14/08/2019
01/10/2019 entro le 12:00
G00195
In aggiudicazione

Sezione Documentazione richiesta ai concorrenti

Busta tecnica
  • Offerta tecnica
Busta economica
  • Offerta economica

Sezione Comunicazioni della stazione appaltante

  • Pubblicato il 27/07/2021
    AVVISO DEL 27/7/2021 - AVVISO ( VEDI ALLEGATO)
  • Pubblicato il 22/07/2021
    Comunicazione apertura offerte - si comunica che il giorno 23.07.2021 alle ore 10.30 con piattaforma telematica si procederà all'apertura delle buste contenenti le offerte economiche
  • Pubblicato il 11/05/2021
    Comunicazione apertura offerte tecniche - Si rinvia a nota allegata
  • Pubblicato il 26/09/2019
    Anticipazione della data della prima seduta pubblica per l'apertura della busta A - verifica documentazione amministrativa - Si comunica che la prima seduta pubblica per l'apertura della busta A - documentazione amministrativa - prevista per il giorno 8.10.2019 alle ore 10, sarà anticipata per motivi organizzativi al giorno 7.10.2019 alle ore 15.45 presso gli Uffici del Servizio Economato e Centrale Unica Servizi e Forniture in Viale Trieste 141 - V piano. Si ricorda che la procedura è telematica e pertanto gli operatori economici potranno seguire anche in tale modalità la seduta di gara.
  • Pubblicato il 25/09/2019
    RISPOSTE AL QUESITO N. 27 IN MERITO A DIMENSIONI FILE, COMPILAZIONE CAMPO OFFERTA TECNICA, RAPPORTI ADDETTI/UTENTI, ORARI SOMMINISTRAZIONE, PERSONALE PER CLAUSOLA SOCIALE. - QUESITO N. 27 PUNTO 1 Disciplinare art. 17 e segg: In riferimento alle modalità di caricamento a portale della Busta B (3 file Offerta tecnico-qualitativa, Programma di approvvigionamento, Piano di assorbimento e relativi eventuali allegati), si chiede di specificare lo spazio (MB) disponibile per il caricamento di ciascun file. RISPOSTA: Per la documentazione amministrativa, l'offerta tecnica e l'offerta economica è previsto distintamente uno spazio massimo di 51 MB e uno spazio massimo per file di 1,53 MB. QUESITO N. 27 PUNTO 2 Disciplinare art. 17 e segg: In riferimento alle modalità di caricamento a portale della Busta B, si chiede come debba essere evasa la richiesta evidenziata alla schermata sotto riportata e cosa debba essere scritto nel campo offerta tecnico qualitativa (dove sono disponibili 2.000 caratteri) che genera un file pdf dal titolo criteri di valutazione. Si tratta dell'indice della Busta B (1 Offerta tecnico-qualitativa, 2 Programma di approvvigionamento, 3 Piano di assorbimento)? RISPOSTA: Si conferma che nel campo offerta tecnico qualitativa può essere inserito l'indice della Busta B. QUESITO N. 27 PUNTO 3 Si chiedono chiarimenti in merito all'art. 24.2 del disciplinare, art. 23 del CSA. RISPOSTA: Si precisa che i rapporti addetti/utenti previsti dallo staff minimo impiegato dalla ditta sono da intendersi per turno di somministrazione. QUESITO N. 27 PUNTO 4 Si chiedono chiarimenti in merito agli orari di inizio/fine somministrazione presso Asili Nido. RISPOSTA: Il servizio di ristorazione presso gli Asili Nido interesserà il periodo da settembre a luglio di ogni anno educativo. QUESITO N. 27 PUNTO 5 Si chiedono chiarimenti in merito agli artt. 17.3, 24.1 del disciplinare. RISPOSTA: La clausola sociale ed il relativo progetto di assorbimento sono da applicare al personale attualmente impegnato di cui all'allegato A del CSA.
  • Pubblicato il 24/09/2019
    Planimetrie scuole - Come richiesto da un operatore economico pubblichiamo le planimetrie delle scuole.
  • Pubblicato il 24/09/2019
    RISPOSTE AL QUESITO N. 18 IN MERITO A COSTI AZIENDALI, CLAUSOLA SOCIALE, MANUTENZIONE ATTREZZATURE, TASSA RIFIUTI, SPESA GAS, PASTI/GIORNO, GIORNI MEDI/ANNUI, SISTEMA INFORMATICO, ELENCO ATTREZZATURE. - QUESITO N. 18 PUNTO 1 Si chiede conferma che, nella compilazione del modello offerta economica i costi aziendali riferiti alla salute e sicurezza e i costi della manodopera debbano essere esposti come importi relativi all'intera durata dell'appalto (4 anni). RISPOSTA: I costi devono essere esposti per l'intera durata dell'appalto (4 anni) QUESITO N. 18 PUNTO 2 Si chiedono chiarimenti in merito all'art. 24.1,17 RISPOSTA: Si conferma che nel progetto di riassorbimento ai fini dell'applicazione della clausola sociale devono essere indicati unicamente il numero dei lavoratori, l'inquadramento (CCNL e livello) e il monte ore settimanale. QUESITO N. 18 PUNTO 3 Si chiedono chiarimenti in merito all'art. 8 del CSA. RISPOSTA: Si precisa che la Ditta deve impegnarsi a porre in essere, per ogni plesso scolastico nel quale effettua il servizio, gli adempimenti previsti dalla legge per il corretto esercizio dell'attività, nonché ad integrare, qualora necessario, le attrezzature utili per il ciclo produttivo, così come prescritto dalla ATS o da altre amministrazioni. Per tutte le attrezzature di sua proprietà se ne assume gli oneri di manutenzione e sostituzione quando deteriorati. Restano in capo alla Ditta, qualora offerte a titolo di migliorie in progetto tecnico, le manutenzioni ordinarie di tutti i locali adibiti al servizio, compresa la cucina. Restano in capo al Comune le manutenzioni ordinarie e straordinarie dei locali qualora non offerte a titolo di migliorie in progetto tecnico. QUESITO N. 18 PUNTO 4 Si chiedono chiarimenti in merito all'art. 22 del CSA. RISPOSTA: Si precisa che l'aggiudicatario dovrà garantire una corretta gestione della raccolta differenziata dei rifiuti; dovrà fornire, inoltre, sacchetti idonei, pattumiere, etc. Non è dovuta alcuna tassa per lo smaltimento dei rifiuti. QUESITO N. 18 PUNTO 5 Si chiedono chiarimenti in merito all'art. 23 del CSA. RISPOSTA: Non si ha contezza del valore economico del costo relativo all'acquisto del gas necessario alla cottura dei pasti, in quanto spese sostenute sempre dalla Ditte che hanno gestito il servizio. QUESITO N. 18 PUNTO 6 Si chiedono chiarimenti in merito all'art. 23 del CSA, disciplinare art. 24.2 RISPOSTA: Il dato relativo ai pasti/giorno medi erogati presso ciascuna scuola oggetto di servizio, come da allegato A, si può stimare tenendo conto del calendario scolastico per la Regione Sardegna dove vengono indicati i giorni effettivi di scuola per l'anno scolastico 2018/2019. Il sabato il servizio mensa non viene erogato. QUESITO N. 18 PUNTO 7 Si chiedono chiarimenti in merito all'art. 27 RISPOSTA: Il dato relativo ai giorni medi/annui di servizio presso ciascuna scuola oggetto di servizio come da allegato A, al fine di definire il piano dei trasporti, si può stimare tenendo conto del calendario scolastico per la Regione Sardegna dove vengono indicati i giorni effettivi di scuola per l'anno scolastico 2018/2019. Il sabato il servizio mensa non viene erogato. QUESITO N. 18 PUNTO 8 Si chiede di specificare quale sia il sistema informatico attualmente in uso presso il Comune di Cagliari. RISPOSTA: Il sistema informatico per la gestione dei pasti e la riscossione attualmente in uso è il sistema School.net della ditta Etica Soluzioni S.r.l, società certificata ISO27001 e ISO22301. QUESITO N. 18 PUNTO 9 Si chiede di fornire l'inventario delle attrezzature di proprietà del Comune presenti nei plessi e l'elenco delle attrezzature di proprietà dell'attuale gestore che non saranno disponibili. RISPOSTA: Si invita a consultare la risposta al quesito n. 16 in merito alle attrezzature, pubblicata il 23/09/2019.
  • Pubblicato il 24/09/2019
    RISPOSTA AL QUESITO N. 24 IN MERITO A DISPOSITIVI DI CONDIZIONAMENTO, CARATTERISTICHE APPROVVIGIONAMENTI, SERBATOI DI ACCUMULO, ATTREZZATURE A BASSO CONSUMO. - QUESITO N. 24 PUNTO 1 Si chiedono chiarimenti in merito al criterio 5.6 . RISPOSTA: I dispositivi di condizionamento di proprietà del gestore attuale del servizio sono quelli presenti nelle sotto riportate scuole: Infanzia Monte Mixi, Infanzia via Fermi, Primaria via is Guadazzonis, Infanzia Casati, Primaria Stagno, Scuola Infanzia Ada Negri, Scuola Infanzia Serbariu, Infanzia via Corona (si sta ultimando l'installazione), Infanzia via dei Genieri. QUESITO N. 24 PUNTO 2 Si chiedono chiarimenti in merito al criterio 6 Caratteristiche degli approvvigionamenti/forniture RISPOSTA: Si precisa che l'attribuzione del punteggio massimo si concretizza nella dichiarazione di impegno all'utilizzo dei prodotti richiesti a ciascun sub-criterio secondo la formula di attribuzione dei punteggi di cui al CSA. QUESITO N. 24 PUNTO 3 Si chiedono chiarimenti in merito all'art. 23, pag. 26. RISPOSTA: Si stima che nelle quasi totalità delle scuole siano presenti i serbatoi di accumulo. Non si conoscono esattamente la tipologia e caratteristiche dei serbatoi di accumulo presenti nelle scuole. QUESITO N. 24 PUNTO 4 Si chiedono chiarimenti in merito alle attrezzature presenti nelle scuole che risultano non installate. RISPOSTA: L'impegno all'utilizzo di apparecchi o attrezzature (ad esempio: frigoriferi, lavastoviglie, attrezzature elettrice o a gas) a basso consumo energetico di cui all'art. 5, punto 5, comma 3 può essere soddisfatto anche con attrezzature usate, fermo restando le stesse caratteristiche di efficienza energetica.
  • Pubblicato il 23/09/2019
    Risposta a quesito n. 22 in merito alla clausola revisione prezzi. - In riferimento quesito relativo alla clausola di revisione dei prezzi si comunica che non risulta essere stata inserita nel capitolato la clausola di cui all'articolo 106 del decreto legislativo 50/2016. Come ribadito dal Consiglio di Stato Sez. III con Sentenza 3768 del 19.06.2018 la revisione prezzi opera solo se prevista dai documenti di gara. Si rammenta che l'art. 106 comma 1 alla lettera a) stabilisce infatti che i contratti d'appalto dei settori ordinari possono essere modificati solo se la clausola di revisione è prevista nei documenti di gara iniziali in maniera chiara precisa e inequivocabile.
  • Pubblicato il 23/09/2019
    Risposta al quesito 19 in merito al programma di approvvigionamento - Quesito: Si chiedono ulteriori informazioni e chiarimenti sul capitolato d'oneri, nello specifico sull'art. 17.2 del disciplinare di gara -PROGRAMMA DI APPROVVIGIONAMENTO Risposta: In merito alla indicazione dei prodotti (biologici, DOP e IGP, tradizionali, locali a filiera corta) che si intendono offrire, le percentuali da indicare devono essere riferite ad ogni singola tipologia di prodotto. Le percentuali dei prodotti indicate all'art. 23 del C.S.A. sono obbligatorie e per ogni tipologia di prodotto. Le percentuali di prodotti offerte oltre quelle obbligatorie verrà considerato punteggio premiante. La tabella Legenda macro categorie merceologiche di cui all'art. 17.2 deve essere intesa come una elencazione esemplificativa di prodotti da ricondurre alla macro categoria merceologica.
  • Pubblicato il 23/09/2019
    Risposta a quesito n. 17 in merito a certificazione potenzialità centro cottura - Quesito n. 17: si chiede se la potenzialità del centro di cottura può essere certificata con una dichiarazione del legale rappresentante ai sensi del DPR 445/2000. Risposta:Tutte le strutture destinate alla produzione di pasti per la ristorazione collettiva devono possedere i requisiti previsti dalla normativa vigente in materia di igiene degli alimenti. I requisiti strutturali delle mense nell'ambito della normativa di settore, devono presentare le caratteristiche base richieste dall'articolo 28 del DPR 327/80 e dall'allegato del regolamento CE 852/04 capitolo 1 parte 2. Tali requisiti, tra cui la potenzialità, possono essere certificati tramite una dichiarazione prestata dal legale rappresentante ai sensi del DPR 445/2000.
  • Pubblicato il 23/09/2019
    Risposta a quesito n. 16 in merito alle attrezzature. - Quesito n. 16: In riferimento alla procedura di gara emarginata in oggetto siamo a richiedere ai sensi art.74, comma 4 D.Lgs.50/2016 che vengano fornite ulteriori informazioni e chiarimenti su quali attrezzature, presenti nelle cucine oggetto dell'appalto, sono di proprietà del Comune di Cagliari e quali degli attuali gestori. Risposta: si vedano gli allegati alla presente risposta.
  • Pubblicato il 23/09/2019
    Risposta al quesito n. 12 in merito al "subappalto" - Quesito n. 12: si chiede, con riferimento al divieto di subappalto, la rettifica e la conseguente ammissibilità del subappalto nei limiti di cui all'art. 105 del D. Lgs. 50/2016 s.m.i. Risposta quesito: In merito alla richiesta si rimanda all'art. 9 del disciplinare di gara che recita: Per le caratteristiche di complessità, qualità e delicatezza del servizio di mensa scolastica è fatto divieto di subappalto, ad eccezione dei soli aspetti riguardanti la gestione informatizzata, pena l'immediata risoluzione del contratto e la perdita del deposito cauzionale, salvo ulteriore risarcimento di maggiori danni accertati. Il subappalto della gestione informatizzata del servizio è consentito nei limiti del 40% dell'importo complessivo del contratto, purché il concorrente ne dia indicazione all'atto dell'offerta, in conformità a quanto previsto dall'art. 105 del Codice. Non si configurano come attività affidate in subappalto quelle di cui all'art. 105, comma 3 del Codice. Occorre rammentare che l'art. 1 comma 18 della Legge 55/2019 dispone che in deroga all'articolo 105, comma 2, del D. Lgs. 50/2016, fatto salvo quanto previsto dal comma 5 del medesimo articolo 105, il subappalto è indicato dalle stazioni appaltanti nel bando di gara e non può superare la quota del 40 per cento dell'importo complessivo del contratto di lavori, servizi o forniture. Si ritiene, pertanto, di non dover accogliere la richiesta, in quanto lo scrivente ha già ottemperato agli obblighi imposti dalla legge.
  • Pubblicato il 23/09/2019
    Risposta quesito n. 11 - Richiesta proroga - Quesito n. 11 Si chiede la concessione di una proroga nei termini di consegna della gara, in considerazione della onerosità in termini di tempo per l'organizzazione della pianificazione ed effettuazione dei sopralluoghi. Risposta quesito: In merito alla concessione di una proroga nei termini di consegna della gara, in considerazione della onerosità in termini di tempo per l'organizzazione della pianificazione ed effettuazione dei sopralluoghi, si ritiene che i tempi per l'effettuazione dei sopralluoghi siano da considerarsi congrui. La richiesta non può essere accolta.
  • Pubblicato il 09/09/2019
    Risposta ai quesiti n.4. 6 e 9 in merito a " materie prime e grammature" - Quesito n. 4 Si segnala l'assenza nella documentazione di gara della Tabella Merceologica delle materie prime. Risposta quesito n. 4: In merito alle caratteristiche delle materie prime si deve fare riferimento alle Linee guida regionali per la ristorazione scolastica, di cui all'allegato 2 della determinazione n. 1567 del 5 dicembre 2016 dell'Assessorato Regione Sardegna dell'Igiene e Sanità e dell'Assistenza Sociale. Quesito n. 6 Si chiede quali grammature sono da considerare per la formulazione dell'offerta. Risposta quesito n. 6: Devono essere rispettate le grammature indicate nelle Linee guida regionali per la ristorazione scolastica, determinazione n. 1567 del 5 dicembre 2016 dell'Assessorato Regione Sardegna dell'Igiene e Sanità e dell'Assistenza Sociale. Quesito n. 9 Nel paragrafo del C.S.A. (finalità dell'appalto a pagina 3) codesta stazione appaltante dichiara che fra i riferimenti normativi e di indirizzo di cui si è tenuto conto sono richiamate, fra gli altri, le Linee guida regionali per la ristorazione scolastica, determinazione n. 1567 del 5 dicembre 2016 dell'Assessorato Regione Sardegna dell'Igiene e Sanità e dell'Assistenza Sociale, ove sono riportate grammature specifiche per classi di età e per tipologie di alimenti, mentre nell'allegato B - Grammature - sono utilizzate grammature e classi di età diverse. Si chiede pertanto conferma che si debba far riferimento a quanto riportato nelle succitate Linee guida regionali. Risposta quesito n. 9: Si rimanda alle risposte ai quesiti n 4 e 6.
  • Pubblicato il 05/09/2019
    R: ALLEGATO A - ELENCO DIPENDENTI - Gentili operatori, dietro segnalazione di un operatore, inseriamo il file "Allegato A - Elenco dipendenti" con estensione .xls. Servizio Economato e Centrale unica servizi e forniture
  • Pubblicato il 05/09/2019
    Risposta al quesito n.5: CHIARIMENTI COMPILAZIONE DGUE - Su segnalazione di un operatore economico si rettifica parzialmente il DGUE, nella parte III, sezione C dedicata alla assenza di situazioni o di procedimenti per l'accertamento delle situazioni di cui all'articolo 80 comma 5, lett. b) del Codice dei contratti pubblici. Il modello di DGUE messo a disposizione degli operatori economici (pubblicato sul portale il 22/08/2019) contiene una formulazione non aggiornata alle ultime modifiche legislative (D.L. 32/2019 così come convertito dalla L. 55/2019). Infatti il fallimento, anche con autorizzazione all'esercizio provvisorio, è, allo stato attuale, sempre e assolutamente ostativo alla partecipazione alle gare d'appalto. E' inoltre erroneo il rimando alla dichiarazione integrazione Dgue punto B2 - 1.2 riportato nella colonna di destra. Questa Stazione Appaltante pertanto sostituisce il modello DGUE e invita gli operatori ad utilizzare il modello pubblicato in data 05/09/2019. Si comunica che, salvo l'istituto del soccorso istruttorio laddove consentito, i DGUE che dovessero pervenire nella formulazione "ante rettifica" verranno accettati come validi.
  • Pubblicato il 23/08/2019
    AVVISO AGLI OPERATORI ECONOMICI: ERRATA NUMERAZIONE DEI PRIMI PARAGRAFI DEL DISCIPLINARE - Si informa che, a causa di un problema nella impaginazione automatica del file denominato "DISCIPLINARE", i paragrafi "DOCUMENTAZIONE DI GARA, CHIARIMENTI E COMUNICAZIONI" ( pagina 2), "OGGETTO DELL'APPALTO" (pagina 3), "DURATA DELL'APPALTO E OPZIONI" (pagina 4), "SOGGETTI AMMESSI IN FORMA SINGOLA E ASSOCIATA E CONDIZIONI DI PARTECIPAZIONE" (pagina 4), "REQUISITI GENERALI" (pagina 5), "REQUISITI SPECIALI E MEZZI DI PROVA" (pagina 6), sono numerati in maniera non corrispondente all'indice di pagina 1. La corretta numerazione dei suddetti paragrafi è la seguente: 2.DOCUMENTAZIONE DI GARA, CHIARIMENTI E COMUNICAZIONI 2.1 Documenti di gara 2.2 Chiarimenti 2.3 Comunicazioni 3. OGGETTO DELLAPPALTO, IMPORTO E SUDDIVISIONE IN LOTTI 4.DURATA DELLAPPALTO, OPZIONI E RINNOVI 4.1 Durata 4.2 Opzioni e rinnovi 5. SOGGETTI AMMESSI IN FORMA SINGOLA E ASSOCIATA E CONDIZIONI DI PARTECIPAZIONE 6. REQUISITI GENERALI 7. REQUISITI SPECIALI E MEZZI DI PROVA 7.1 Requisiti di idoneità 7.2 Requisiti di capacità economica e finanziaria 7.3 Requisiti di capacità tecnica e professionale 7.4 Indicazioni per i raggruppamenti temporanei, consorzi ordinari, aggregazioni di imprese di rete, GEIE 7.5 Indicazioni per i consorzi di cooperative e di imprese artigiane e i consorzi stabili Servizio Economato e Centrale Unica Servizi e Forniture
  • Pubblicato il 22/08/2019
    PUBBLICAZIONE ALLEGATO A IN FORMATO EXCEL - In considerazione delle segnalazioni ricevute circa l'illegibilità dell'Allegato A si pubblica il medesimo anche in formato excel. Il Servizio Economato e Centrale Unica Servizi e Forniture

[ Torna all'inizio ]